Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Sycamore T Company


presenta


Safari Live – work in progress


scritto e diretto da
Emanuela Liverani


con
Gabriele Sabatini, Emilia Scarpati Fanetti
e l'amichevole partecipazione in audio di Luciano Curreli


Riprese video e disegno luci
Beppe Gallo


Montaggio video
Federico Greco


Costruzioni sonore
Emanuela Cotellessa


Tecnico luci e audio
Martin E. Palma


Aiuto regia
Francesca Spinozzi


si ringrazia Pierpaolo Verdecchi per il contributo fotografico
Safari Live

 

In un tempo di indifferenze un uomo racconta come e perché è
diventato il Cacciatore guidandoci passo dopo passo all'interno
del sentiero che lo ha condotto nel luogo in cui ora vive, la
jungla (con la j salgariana), da cui parte e torna quotidianamente
per ingaggiare l'eterna lotta contro i suoi nemici, i
sopraffattori. Convinto di essere solo si accorge che nella jungla
vive, per gli stessi motivi e con le stesse modalità, una Donna.
Il loro incontro sospende la convinzione di essere soli e
muovendosi tra passato e presente, tra digressioni e citazioni,
danno forma a ciò che li ha condotti in quello spazio, il limite
oltre il quale prende forma la rivolta.

 


Note di regia
Il progetto Safari Live – Work in progress è lo spin-off di un
cortometraggio in via di realizzazione e di questo porta con se il
tema, alcuni brani, suggestioni. Da qui il motivo per cui l'ho
definito Live. Essendo però del tutto autonomo dalla sceneggiatura
del cortometraggio ne completa l'idea base, le suggestioni
(letterarie, fotografiche, cinematografiche, teatrali, musicali) e
quello che potremmo chiamare il “dietro le quinte”.
Il Safari Live pur avendo una scrittura di base molto rigida ha
una forma e un contenuto sempre aperto in linea con il tema che
narra, la rivolta, motivo per cui a ogni messa in scena possono
corrispondere modifiche del testo, nuovi personaggi, video, foto,
suoni, musica, persino partecipazioni per così dire dell'ultima
ora pensati come sviluppo di quella precedente. Questo il motivo
del work in progress.
Una prima prova aperta, in forma ridotta, è andata in scena a Roma
il 15 marzo 2014 grazie al Teatro Bipop Zaccaria Verucci in uno
spazio alla periferia della città.
Ogni suggerimento è offerto gentilmente da: A. Camus, E. Salgari,
J. Steinbeck, W. Evans, i tumbleweed, le persone che ogni giorno
dicono no e quelle che ancora lo devono dire.

 

 ESCAPE='HTML'